A pranzo con… LUDOVICO EINAUDI “Mai in tv, niente giornali e poco Internet”. C’è un altro modo di avere successo

(Dal mensile GQ di giugno)
De André? “Confesso che mi annoiava”. Guccini? “Beh, tutte quelle rime …”. Paoli? “Non saprei che dire”. E’ nato nel 1955 e nella sua educazione sentimentale, accanto al Conservatorio e a Luciano Berio, ci sono dosi massicce di Beatles e Stones, ma non c’è il pop italiano: “Un po’di Battisti, Equipe 84, Celentano, ma senza le grandi emozioni che mi davano Bob Dylan e Jimi Hendrix. Nelle canzoni di molte parole vedevo un’altra malinconica prova della marginalità italiana”. Insomma c’è la contaminazione, “l’Africa, Springsteen, i Radiohead, il folk italiano” ma non c’è Sanremo che “già allora non mi interessava e adesso mi piace ancora meno. Nell’ultima edizione hanno riproposto persino le Kessler cercando di mitizzarle”.
Un grande presidente, un grande editore, e ora un grande musicista: l’eccellenza è un liquore del liquido seminale? Ludovico Einaudi ride, ma non con la bocca, “ride con gli occhi un po’ freddi” come scrisse Natalia Ginzburg del padre Giulio, o forse “ride con gli occhi di un freddo limpido” come scrisse Montanelli del nonno Luigi. “Di genetico – dice – c’è la tenacia, la caparbietà. E poi, non so, il carattere piemontese, la geografia, le Langhe”.
Come vuole il marchio Einaudi, anche Ludovico è distaccato e gentile, guardingo e a sangue ghiaccio. La sola spavalderia esibita sono i basettoni lunghi e bianchi che gli coprono le guance forse per compensare la pelata. “Sono nato a Torino, la mia patria musicale è l’Inghilterra, ma la mia città è Milano”. A Brera si muove “come in un club”: per strada lo chiamano Ludovico e gli sorridono, non è molto alto ma la sua presenza si impone. E’ una giornata di chiaro e di brezza e una corrente di trasmissione del pensiero ci spinge dentro una mostra di architetti. In questo spicchio di Milano, dove tutti si sentono artisti, Einaudi esercita un ascendente che amministra con sapienza naturale: “A Torino invece mi sento a disagio, mi sembra di soffocare, è piccola, chiusa e molto pettegola”. Roma? “E’ bella, ma non potrei viverci “. Al ristorante gli servono paccheri al pomodoro, calore umano e simpatia. Non è ri-conosciuto ma conosciuto, forse perché non è televisivo: “Sono stato una volta da Fazio: un errore che non ripeterò. Mentre parlava con me guardava da un’altra parte: un circo. Per fortuna le mie cose vanno avanti senza bisogno di tv. Se non mi piace guardarla, perché dovrei andarci?” Non guarda neanche i tg? “No”. I giornali? “Il sabato prendo il ‘Financial Times’. E raramente il Corriere o Repubblica”. I siti Internet? “Poco”. E come si informa? “Non ho l’ossessione di essere informato a dosi massicce, penso che si produca più informazione di quanta una persona possa metabolizzare senza esporsi a ingorghi alluvionali, ingolfamenti dell’intelligenza”.
Dal balcone di casa, con una Leika “programmata solo per il bianco e nero”, scatta foto che somigliano alla sua musica: pulizia dell’immagine e del suono, tecnica e semplicità, bellezza estetica, il ritratto di strada: “Da ragazzo ho fatto apprendistato da Ugo Mulas. Mi è tornata la voglia, molto intensa”. Negli anni di piombo frequentava il Conservatorio: “Non sono mai stato tentato dall’estremismo. Avevo però qualche amico tra gli anarchici”. E’ sempre stato di sinistra? “Sempre”. Per chi votava? “Pci, senza passione; qualche volta radicale, qualche altra verde”. E ora? “Pd, senza passione.”
E’ credente? “No. Le religioni mi incuriosiscono ma non mi tentano”. Neppure la sacralità del rito? “No”. Non c’è una cappella nella casa di famiglia a Dogliani? “Ha ragione, lì il rito diventa memoria”. A Dogliani passava le estati? “No. Andavamo per la vendemmia”. E al mare? “Sì, a Bocca di Magra, sabbia, ciottoli e qualche scoglio. Era la libertà per me”. Sono le onde che ha celebrato in musica? “Ci sono anche quelle di Filicudi dove siamo andati per molti anni. Ma non mi riconosco nel mare-cartolina”. Viene dalle Langhe la malinconia della sua musica? “Nella mia musica c’è anche l’allegria, la vitalità: forse è quella della nonna emiliana”. Il nonno era davvero austero? “Tutto in Piemonte è austero, anche il vino. Al di là della leggenda della mezza pera che al Quirinale offriva ai capi di Stato, di lui ricordo che controllava i conti e usava già le luci a basso voltaggio” . La nonna invece scialacquava? “No, ma era molto vivace”. E lei con i suoi tre figli è austero? “No. I tempi non lo permetterebbero più”.
Crede nella discendenza ma non nella logica del cognome? “Ho avuto la fortuna di essere apprezzato in Inghilterra. In Italia, invece, ci sono voluti tempo e fatica”. Una delle famiglie più importanti d’Italia è dunque la meno familista? “Mio padre cominciò la sua carriera di editore pubblicando i libri di mio nonno, ma di sicuro non ha fatto il suo stesso mestiere. E io faccio un mestiere molto lontano da entrambi”. Non c’era nessuna tradizione musicale nella famiglia paterna? “Papà non la capiva. Ricordo che gli piaceva John Cage. Ma forse perché 8 minuti di silenzio durante un concerto sono letteratura; gli piaceva l’artista. La tradizione musicale c’era invece nella famiglia di mia madre, Renata Aldovrandi, figlia di un direttore d’orchestra e compositore, Wando, che emigrò in Australia per non suonare l’inno fascista. E purtroppo lui e la nonna non riuscirono più a rivedersi, anche perché a quei tempi Sidney era davvero lontana. Pensi che la nave che riportava in Italia tutte le sue cose, comprese le composizioni, si inabissò”.
E mi mostra il libretto di canzoni francesi che “mamma suonava in casa e che mi hanno trasmesso l’amore per il piano”, mi indica col dito i segni sugli spartiti “quando non sapevo leggere le note”, e poi le parole e le illustrazioni magiche che raccontano “un bambino alla ricerca del suo stile”, linee, piani, visi, mani, piedi, forme di alberi e di fiori che diventano musica: Sur le pont d’Avignon / L’on y danse, l’on y danse. Annuso l’odore della carta antica e Ludovico mi comunica con gli occhi la seduzione, “il patto di complicità con mamma che è morta a 92 anni”. Il francese “è la lingua che i miei parlavano quando non volevano farsi capire da me e dalle mie due sorelle”. E le canzoni sono quelle dei bimbi di Francia: L’on y danse tout en rond. Alcune,per esempio Au Claire de la lune, si possono suonare con un dito; come certi passi di ‘Divenire’, come ‘Primavera’ che Ludovico suona con una mano sola, la destra, mentre la sinistra accompagna arpeggiando. Anche la semplicità delle ‘Onde’ è la stessa: poca musica scritta, ma molto suonata. E, come in ‘Luce dei miei occhi’, ora si aggiungono gli archi e ora il violoncello e i violini al dito della mamma: ” Au clair de la lune,/ mon ami Pierrot, /Prête-moi ta plume / pour écrire un mot/”.E mentre mi parla di sua madre e del suo piano a coda, a me pare finalmente di sapere cosa ho percepito di familiare nel famoso ‘Les Intouchables’. Ecco, lì dentro, come rimando e sottotesto, nella musica con cui questo pianista tutto controllo e misura ha incantato il mondo, c’è, a sorvegliare il daimon Einaudi come un carabiniere sorveglia un borsaiolo, il daimon Aldrovandi, l’anima di una bella signora che si liberava nella ripetitività di Alouette, alouette / Je te plumerai la tête / Je te plumerai la tête.
Sul muro c’è un capellone che suona la chitarra: “Sono io. Ma non ho appeso io quelle foto”. A che età ha perso i capelli? “Verso i trent’anni”. Minimalista, non ha la casa museo e non espone ricordi, gli piace chiamarsi Einaudi ma “non frequento tutti gli Einaudi, a parte mia sorella; non so quasi nulla degli altri figli che mio padre ebbe prima di noi”. Sta dunque lontano dal familismo delle grandi famiglie italiane “dove tutti sono litigiosi e passano la vita a farsi processi tra di loro e a sorvegliarsi strettamente” in modo che nessuno possa apparire più Einaudi dell’altro.

11 thoughts on “A pranzo con… LUDOVICO EINAUDI “Mai in tv, niente giornali e poco Internet”. C’è un altro modo di avere successo

  1. Gennaro

    Certo che un’intervista a Ludivico Einaudi puo’ essere davvero noiosa. Non banale e insulsa quanto la sua musica, ma noiosa si’. Siamo condannati a vivere nel ricordo di alcuni (pochi) grandi del recente passato. Il resto, davvero, e’ rumore.

  2. Latashia

    I was wondering if you ever considered changing the structure of your blog?
    Its very well written; I love what youve got to say.
    But maybe you could a little more in the way of content so
    people could connect with it better. Youve got an awful lot
    of text for only having 1 or 2 pictures. Maybe you could space it out better?

  3. Angelo Libranti

    Come buon appartenente alla famiglia Einaudi, ha la puzza sotto il naso ed è comunista.
    Bastano queste verità a screditarlo.

  4. Elvira

    Articolo letto e riletto. Credo che lei abbia colto la vera essenza del Maestro, quello che viene percepito solo dai suoi attenti ascoltatori. Non vedo noia ma solo eleganza sia nell’intervistato che nello scrittore. E ovviamente provo un filo di sana invidia per l’avvenuto incontro. Continuerò a rileggere l’articolo per provare nuovamente l’emozione dell’incontro. Grazie

  5. Barbara

    Interessante ed intimista questa intervista. Peccato per i commentuncoli ciarlieri.
    La raffinatezza suscita invidia nei beceri.

  6. GG

    UN SIGNORE DELLA TASTIERA E DEL PENSIERO….GRANDE ARTISTA…..IL SUO PARLARE , COME LA MUSICA , VA OLTRE IL PENTAGRAMMA…NON E’ RACCHIUSO SOLO NEI SEGNI MUSICALI…..

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>