LA VERITA’ DI UNA BIOGRAFIA

Rendo esplicita la cosa più indecentemente berlusconiana che ho letto e ascoltato e cioè che “l’amor nostro” (così lo chiama il Foglio) è stato assolto e dunque Repubblica… è stata condannata. Al contrario, un indecente assolto rimane un indecente. E non è certo al potere giudiziario ma ai lettori che in questi anni Repubblica ha raccontato l’indecenza di quella parodia di don Giovanni al governo.

Non era il reato penale che cercavamo quando denunziavamo l’oscenità dei pezzi di Stato con cui l’allora presidente del Consiglio pagava prima i suoi piaceri sessuali e poi le spese degli imbrogli che da quei piaceri derivavano. E abbiamo descritto con malinconia, stupore e spesso con pietà l’universo dei ricottari parassiti – quanti giornalisti di fama! – che slurpando lo servivano nell’alcova. Non pensavamo mai ai carabinieri ma qualche volta agli infermieri quando scoprivamo che la consigliera regionale che lui aveva fatto eleggere era l’avvenente mezzana che gli “briffava” le prostitute disprezzandolo in segreto con l’appellativo “culo flaccido”. E ci pareva che illustrassero benissimo il potere italiano e non il codice penale quelle buste “dedicate” con cui il ragioniere privato del capo del governo stipendiava le olgettine di Stato, il segretissimo uomo che applicava freddamente una tariffa ad ogni capriccio del padrone e assegnava pure gli appartamenti a Barbara, a Marysthelle, a Miriam, pagava i gioielli, i foulard e i vestiti ad Aris, a Elisa e a Ioana… Noi non abbiamo mai ipotizzato la concussione ma, al contrario, lo strapotere spavaldo dell’impunito commentando quella telefonata che Berlusconi fece alla questura di Milano per liberare la minorenne spacciandola per la nipote di un capo di Stato estero.

Noi condannati dalla sua assoluzione? Al contrario, noi difendiamo la decenza dello Stato e la nobiltà della politica anche dall’idea che esse esistano solo perché un giudice le fa esistere. Mai ci siamo affidati al potere giudiziario o a qualche Robespierre per tutelarle. Non spetta ai magistrati custodire la dignità di un uomo che violava da sé il proprio decoro di vecchio signore prima ancora che di statista. Perso nelle sue orge pubbliche era lui stesso che non rispettava la propria privacy e rendeva immondo ed esibito quell’universo privatissimo che chiunque, e ancora di più un capo di governo, dovrebbe gestire discretamente, con pudore, equilibrio e misura, con l'”onore” ai cui lo obbliga l’articolo 54 della Costituzione. E i vizi, quando ci sono, non si espongono.

Certo, la decadenza di Berlusconi e dell’Italia con lui (“mignottocrazia” la battezzò il berlusconiano più fantasioso, Paolo Guzzanti) è stata materia che ha acceso la libidine oculare e ha certamente eccitato la morbosità di qualche giornalista. Anche noi, com’è ovvio, non siamo tutti uguali. Di sicuro posso dire che tra quelli che hanno incollato l’occhio alla serratura per inseguire il presunto ghiotto affare editoriale non c’era certamente Giuseppe D’Avanzo contro cui Giuliano Ferrara ingaggia ora una polemica alla memoria che è più di una gaffe, è un abbaglio da buona notizia, come la troppa ebbrezza che ti impedisce di godertela e ti fa invece vomitare; insomma un conato di cui siamo sicuri che Giuliano si è già vergognato. E non solo perché tra le famose dieci domande di D’Avanzo a Berlusconi non ce n’era neppure una su Ruby. Non riguardavano infatti la materia di questo processo che, invece di condannare Berlusconi, secondo i giornali di Berlusconi, ha condannato D’Avanzo e noi con lui.

La verità è che ci occupiamo di Berlusconi sin dal suo esordio romano nel febbraio del 1994 quando si muoveva sul palco imitando Frank Sinatra e incantando quasi tutti i poteri di questo Paese e pure le sue classi sociali. Abbiamo raccontato l’enormità delle leggi ad personam, il potere illegale e il mercato dei parlamentari, le corna e le barzellette al posto della politica estera, l’inedito patto di servizio tra la Rai e Mediaset, il disfacimento morale del bunga bunga, la distruzione di quel po’ di destra che aveva l’Italia, tutta decoro e valori, sino al patetico crepuscolo nel cerchio magico di palazzo Grazioli. E abbiamo visto la sua Italia, che si sognava liberale, diventare a poco a poco l’Italia degli avanzi, residuale, una specie di lumpenborghesia marginale. Nessuno può assolvere Berlusconi da questo fallimento epocale che non è stato certo provocato dal voyeurismo di alcuni giornali e giornalisti. Capisco che i suoi fedeli gli vogliano ancora bene, ma l’idea che questa sentenza d’appello lo assolva da quel fallimento e dalla sua propria indecenza è solo la prosecuzione della pornografia sul terreno dell’impostura più naïve.

La sentenza di assoluzione non cancella il nostro lavoro di cronaca e di verità di tutti questi anni, al contrario lo esalta. Si illudevano che questo Appello avesse cancellato gli articoli dei nostri giornalisti. Invece li sta evidenziando. La sua biografia non l’hanno scritta i magistrati. L’abbiamo scritta noi.

6 thoughts on “LA VERITA’ DI UNA BIOGRAFIA

  1. Six Degree Flow Program

    Greetings I am so happy I found your webpage, I really found you by accident,
    while I was researching on Yahoo for something else, Nonetheless I am here now and
    would just like to say thanks for a fantastic post and a all round thrilling blog (I also love the theme/design), I don’t have time to look over
    it all at the minute but I have book-marked it and also added in your RSS feeds, so when I have time I will
    be back to read a great deal more, Please do keep up the excellent work.

  2. lia pacinotti

    Grazie per questo suo articolo: pacato, dolente, ma forte nella logica e nelle convinzioni. Mi ha ricordato la prosa di D’Avanzo che pure tanto ho ammirato.

  3. Angelo Libranti

    Nella biografia di un uomo c’è di tutto. Sta a chi legge enucleare le parti più interessanti alle proprie esigenze morali e di sfruttamento professionale.
    Al riguardo Berlusconi è un soggetto interessante, sopratutto per le cariche politiche che ha ricoperto, e per aver offerto il fianco agli avversari, che ne hanno attinto a piene mani.
    Bene, ci sta tutto, tanto più che Berlusconi, anche per queste vicende, è uscito dalla politica ed è inutie che si agiti, ormai il treno è passato. E lo ha perso.
    Senza scomodare i media di altri paesi che, comunque, per amor di patria non infieriscono più di tanto sulle miserie umane dei loro governanti, Berlusconi si distingue, appunto, per la naturalezza con cui si comporta e per la sua estrema generosità.
    Non finanzia solo le olgettine, ma anche chi si trova in difficoltà e chi gli chiede un aiuto concreto.
    Che il suo comportamento disinvolto possa dare fastidio è un fatto accertato, ma dipingerlo come delinquente, mafioso, corruttore, ecc. ecc. mi sembra esagerato.
    La biografia è vera, ma non è stata detta tutta la verità, specie per quanto riguarda i suoi rapporti con elementi presunti mafiosi.

  4. Angelo Libranti

    Chi legge e segue le vicende politiche, e non solo, italiane, si fa un’idea di come vanno le cose in Italia.
    Idee e supposizioni di certi trascorsi mi vengono in mente e immagino di come possano essere andati i fatti a quell’epoca.
    Un imprenditore di successo, con tutte le sue influenze nel nord Italia non lo vedo che vada a rompere certi equilibri in Sicilia, col rischio di rompersi le corna.
    Molto probabile che avendo urgenza e necessità di “allargare” le sue emittenti sia andato, abbia mandato qualcuno o contattato un autoctono, a chiedere il “permesso” per piazzare ripetitori .
    Credo lo abbia fatto anche in Sardegna, ma lì c’è gente più seria dei siciliani e non si è saputo mai nulla.
    A questo punto ipotizzo che abbia pagato il pizzo per stare tranquillo, anche se ricordo in quegli anni ci furono attentati alle varie Standa e qualche ripetitore saltato in aria.
    A questo punto si diventa vittima di un sistema che lo Stato non riesce, non sa e non vuole controllare e che si accetta lottando contro i propri principii.
    Il resto sono dettagli; avere un mafioso in casa può essere una garanzia di incolumità e chi “dall’esterno”
    contatta i mafiosi può essere un galantuomo, magari un pò navigato, in missione speciale.

  5. Laura Grazia Miceli

    Gli italioti vanno di vent’anni in vent’anni (o giù di lì). Rabbrividisco se penso a quanti ancora ne devono passare fino a che si renda evidente ai loro occhi ( qualcuno costituirà un’ eccezione oso ancora sperare ) quel che vale mattiulo renzotti.

Rispondi a Six Degree Flow Program Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>